logo

Maretta

prodotti details


Questo vino è prodotto con l’eccellente uva Vespolina, una varietà autoctona un tempo molto diffusa in Alto Piemonte e che ora copre meno di 40 ettari, circa 4 dei quali di proprietà di Torraccia del Piantavigna. Il declino di questo vitigno non è legato a una mancanza di carattere ma alla bassa resa e alla buccia sottile, che si danneggia facilmente e tende ad essere attaccata dagli insetti, prevalentemente le vespe, da qui il nome Vespolina. La Maretta, che prende il nome dal vigneto dove è coltivata, è l’espressione più alta della Vespolina invecchiata in legno.

Origine e metodo di vinificazione

Vitigno: Vespolina 100%
Zona di produzione: vigneto Maretta, nel territorio di Ghemme
Appezzamento: di proprietà, 4 ettari circa, a conduzione diretta. Una filosofia di coltura eco-compatibile riduce al minimo l’impiego di agenti chimici
Composizione del terreno: argilla fluvio-alluvionale a reazione acida
Forma di allevamento: guyot
Resa media per ettaro: circa 60 quintali
Vendemmia: manuale in cassette, a fine settembre inizio ottobre
Vinificazione: pigiatura soffice dell’uva, fermentazione in vasche d’acciaio inox con controllo della temperatura, della frequenza dei rimontaggi e dell’apporto di ossigeno per ottimizzare l’estrazione polifenolica. Segue la fermentazione malo lattica.
Invecchiamento: almeno 18 mesi in botti di rovere francese di Allier di medie dimensioni
Affinamento: almeno 2 mesi in bottiglia
Bottiglia: ispirata a un’originale del 1904

Caratteristiche organolettiche

Colore: rosso brillante carico
Profumo: vinoso intenso, note di frutta matura e spezie
Sapore: pieno, asciutto, con fondo gradevolmente amarognolo
Temperatura iniziale di servizio suggerita: servire a 15-16° C, stappando giusto al momento del consumo
Accostamento gastronomico: ottimo con i salumi, accompagna una molteplice varietà di cibi, fino ai sapori moderatamente decisi

Note: Nella Maretta spiccano note pepate date dall’alta concentrazione di rotundone, la componente essenziale dell’aroma del pepe. Il giusto equilibrio tra legno e frutta danno eleganza e finezza a un vino di razza rara.

  • Gambero Rosso

    1 Bicchiere Nero: Vino da discreto a buono

    testimonial-image
    Maretta DOC 2008, 2010 e 2011
  • Touring Club - Vini Buoni d'Italia

    2 Stelle Rosse: Vino ben fatto e di piacevole bevibilità

    testimonial-image
    Maretta DOC 2008, 2010 e 2011
  • L'Espresso - Vini d'Italia

    2 Bottiglie: Vino di qualità superiore alla media

    testimonial-image
    Maretta DOC 2008, 2010 e 2011
  • Slow Wine – Slow Food Editore

    «Il Colline Novaresi Vespolina Maretta 2007 è speziato»

    testimonial-image
    Maretta DOC 2007

Video Recensione

  • Share